PIANETARBERESH

Discussione libera in libero mondo

domenica 22 giugno 2008

Finalmente!!!!

Finalmente si è aperto un dibattito.
Finalmente si confrontano due opinioni: Antonio Massaro, già vicesindaco, e Stefania Emmanuele Assessore alla Cultura, sulle aspettative politiche, gli obiettivi e le attese dei civetesi.
Poi abbiamo Nicola Di Turi, giovane studente di Civita, che dall’alto della sua gioventù dibatte di libertà di stampa, di moderatori, di postazioni internet e altro.
Diciamo ad entrambi: bravi! Questo era quello che volevamo ottenere dai nostri naviganti.
Ora l’assessore risponda esclusivamente alle domande poste da Massaro (il resto lo respingiamo al mittente)……

Infine, sull’obbligo di identificarsi. Avevamo pensato ad un filtro di accesso alla pagina dei commenti, ma questo implica un controllo costante (e noi dobbiamo pur lavorare...) , ed è comunque una limitazione alla circolazione del libero pensiero che è l’essenza primaria della rete.
Non metteremo nessun filtro: confidiamo ancora una volta nella bontà dei nostri interlocutori ….

3 commenti:

Anonimo ha detto...

sono molto felici del vostro intento di creare una discussione pubblica sulla rete, in cui chi scrive si assume le proprie responsabiltà. non credete che sia il caso che anche voi, comitato di questo blog, studenti di damasco riveliate le vostre indentià???
Dott.ssa Il grillo

luca stamai ha detto...

Scusatemi se da lontano mi permetto di dare un contributo alla discussione in corso ma avendo un blog personale da ormai 9 anni credo di avere un pò di esperienza della rete. Naturalmente lo faccio in punta di piedi.... I blog hanno ormai una funzione fonfamentale nel panorama della circolazione delle notizie, qualcuno dice che fra qualche tempo soppianteranno i quotidiani stampati e in qualche modo interagiranno con la televisione.(non lo fanno già le tv?) I bloggers per fare il loro mestiere "devono" esere irriverenti e qualche volta provocatori. Ora naturalmente se non si è Beppe Grillo o un giornalista affermato è difficile assumere posizioni "contro" o provocatorie senza "rischiare" ritorsioni. Ed ecco che molti bloggers usano un "nick" anonimo che li protegge e gli consente di essere "più liberi". Anche "il maestro" fa il suo mestiere e dunque tutte le polemiche sulla chiusura o meno del blog sono pretestuose e prive di senso. Un solo appunto, da parte mia, al "maestro"..... cosa c'entra con tutto questo "la prostata"????????
forse su questo dovreste chiedere scusa. o no?
te fala shume
luca
ps. se volete potete visitare il blog della associazione che ho l'onore di presiedere, ne aremmo lieti

luca stamati ha detto...

ooops.... naturalmente il nome è Stamati e non Stamai ehehehehe
ps. per chi volesse visitare il nosro blog basta cliccare su Luca stamati appunto.....